The Blog

- - in Natura
surriscaldamento-terrestre

L’Italia e gran parte dell’Europa è stata colpita in queste ultime settimane da un’ondata di caldo improvvisa susseguita ad una primavera che è passata inosservata in termini climatici.

Cosa sta succedendo? Perchè fa così caldo? Quali sono i rischi di temperature così alte? Cerchiamo di rispondere a queste domande…

Cos’è un’ondata di caldo?

Si definisce un’ondata di caldo un periodo limitato di tempo, all’incirca 5 giorni, durante il quale le temperature si innalzano in maniera anomala rispetto alla media, salvo poi rientrare nei valori stagionali medi. L’ondata di caldo che ci è rimasta in mente è quella dell’ agosto del 2003, sia perchè recente ma soprattutto perchè ci crea un’ enorme preoccupazione visto che arrivo’ a provocare tante morti tra la popolazione italiana.

Ondata di caldo 2019

In queste ultime settimane ormai ne parlano tutti, e non potrebbe essere altrimenti visto che siamo stati investiti da un’ondata di caldo che non ha precedenti. Cerchiamo di spiegare meglio, le temperature raggiunte dalla piu’ recente ondata di caldo non rappresentano un record assoluto ma il periodo nel quale si è presentata, sicuramente. Mai si era registrata un’ondata di caldo di tale entità nel mese di giugno, queste temperature siamo soliti toccarle a luglio piuttosto che ad agosto. Le zone particolarmente coinvolte dall’ondata di caldo sono state Italia, Francia, Austria, Polonia e Svizzera senza tenere in considerazione paesi del Nord Africa dove le temperature hanno superato di gran lunga i 40 gradi, ma perlomeno loro hanno medie stagionali molto superiori alle nostre.

Causa

La causa principale di questo preoccupante innalzamento delle temperature è da attribuirsi all’anticiclone africano che, nel 2019, è particolarmente forte.

Gli esperti ad oggi non sono in grado di confermare la teoria che assocerebbe l’ondata di caldo 2019 al riscaldamento globale. Pero’ nemmeno la escludono totalmente visto che la teoria perchè fonti del WMO riferiscono che comunque “ciò che stiamo vivendo è coerente con gli scenari climatici che prevedono ondate di caldo più frequenti, estese e intense in quanto le concentrazioni di gas serra portano ad un aumento delle temperature globali”.

Cosa rischiamo?

Il principale pericolo che corriamo è come sempre legato allo stato di salute, cioè, rischiamo di mettere a repentaglio addirittura la nostra vita se sottovalutiamo il fenomeno. I principali sintomi legati al colpo di calore, anche definito ipetermia, sono mal di testa, vertigini e stanchezza insolita. I principali rimedi sono, abbassare gradualmente la temperatura corporea, bagnando con degli stracci bagnati le parti sensibili quali testa, tempie, polsi e interno coscia. Un’altra soluzione potrebbe essere quella di utilizzare un ventaglio o ventilatore in direzione del proprio corpo. In ogni caso questi possono considerarsi primi soccorsi ma il principale consiglio è quello di contattare l’ambulanza o il proprio medico.

Lascia un Commento